Assad ed il petrolio dell’ISIS


Le sanzioni hanno sempre effetti collaterali oppure indesiderati. Se vengono vietati gli scambi di alcuni prodotti, ad esempio, e’ probabile che qualcuno inizi a vendere o comprare quei prodotti sul mercato nero. In altre occasioni si scopre che le sanzioni colpiscono persone che non dovevano essere toccate. Le sanzioni alla Siria pare stiano avendo un effetto collaterale con conseguenze importanti sulla stabilita’ della regione.

Le sanzioni prevedono il divieto di acquistare e vendere petrolio alla Siria. La decisione fu presa nel 2011 per indebolire le capacita’ operative di Assad, ritenuto responsabile di violenze contro l’opposizione al suo governo. Nel 2015, lo scenario si e’ notevolmente complicato con la frammentazione delle opposizioni e l’entrata in scena dell’Isis (Isil o Daesh). Assad e’ stretto tra due fuochi e la comunita’ internazionale, ad eccezione della Russia, lo ha isolato, ma le esigenze belliche richiedono carburante ed il petrolio e’ di fontamentale importanza per sostenere gli sforzi militari.

Anche a causa delle sanzioni, pare che Assad stia comprando il petrolio dall’Isis. Secondo il governo americano, l’ISIS riesce ad incassare circa 1.5 milioni di dollari al giorno dalla vendita del petrolio. Ed Assad sarebbe tra i clienti principali, anche grazie al fatto che le sanzioni UE ed USA gli rendono difficile comprare il petrolio in altri modi. Chiaramente vige il principio che il nemico del mio nemico e’ mio amico. Assad ora ha il problema di sedare la rivolta che dura dal 2011, ed anche l’Isis sta combattendo contro le opposizioni.

Le sanzioni sono uno strumento di politica estera che va regolato ed utilizzato in base ad obiettivi piu’ o meno chiari. In questo caso e’ evidente che l’effetto perverso che le sanzioni hanno e’ quello di fornire una fonte di reddito sicura per l’Isis. La priorita e’ risolvere il conflitto fra Assad e le opposizioni, quindi riconoscendo un ruolo anche al leader siriano, e poi concentrare gli sforzi verso l’Isis. Le sanzioni andrebbero aggiustate di conseguenza.

Tag:, , ,