Il problema non e’ laurearsi prima o laurearsi meglio, ma laurearsi


Le parole di Poletti hanno scatenato un putiferio. Purtroppo, come spesso accade, il polverone ha nascosto l’unica cosa di cui si e’ parlato pochissimo. Mentre tutti discutono se sia meglio laurearsi piu’ velocemente ma con voti piu’ bassi, oppure piu’ lentamente ma con voti piu’ alti, sono stati in pochi a far notare che l’Italia ha il numbero piu’ basso di laureati in Europa. 

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) pubblica un report annuale sul tema che si intitota Education at Glance. Secondo l’ultima edizione di Gennaio 2015, gli italiani laureati tra i 24 ed i 35 anni sarebbero solo il 23%, contro il 48% del Regno Unito, il 44% della Francia, ed il piu’ modesto 27% della Germania (che pero’ ha una tradizione di formazione superiore diversa, infatti ha il 60% di persone con questo livello di istruzione contro il 50% dell’Italia). L’Italia e’ ben 17 punti percentuali sotto la media dei paesi OSCE. Insomma, anziche’ parlare di quando e come laurearsi, dovremmo pensare a come farne laureare di piu’.

 

universita_italia

Tag:,