Quanta della nostra energia viene dalla Russia?


La crisi in Ucraina fa parlare molto di sanzioni e della possibilita di colpire pesantemente l’economia Russa. L’Unione Europea e’ il primo partner commerciale per Mosca e la Russia e’ il terzo partner per l’UE. In particolare, il settore energetico rappresenta una fetta importante dell’export russo e gioca un ruolo centrale nell’interdipendenza con le nostre economie. Questa valutazione complessiva viene raramente riportata tenendo in considerazione il differenziale di dipendenza energetica dei singoli paesi UE dalla Russia. Il New York Times ha fatto una valutazione complessiva sulla dipendenza energetica dalla quale emerge che Slovacchia, Lituania e Polonia sono i paesi membri potenzialmente piu’ esposti ad uno shock energetico causato dall’interruzione delle importazioni dalla Russia. Nella parte bassa della classifica ci sono Irlanda, Malta, Cipro ed Austria. L’Italia rimane nella parte bassa con il 28%, ai livelli della Germania (30%) e poco sopra la Francia (17%). Nel complesso, il 42% del fabbisogno energetico dell’Unione Europea dipende dalla Russia. In altre paole, quasi la meta’ dell’energia europea dipende dalla Russia. Questo dato e’ fondamentale per valutare con attenzione l’eventualita’ di ulteriori sanzioni contro Mosca.

Questa e’ la classifica complessiva.

Paese Dipendenza
Slovakia 98%
Lithuania 92%
Poland 91%
Bulgaria 90%
Hungary 86%
Finland 76%
Czech Rep 73%
Latvia 72%
Estonia 69%
Romania 47%
Sweden 46%
Greece 40%
Croatia 34%
Netherlands 34%
Belgium 30%
Germany 30%
Italy 28%
Slovenia 24%
France 17%
Spain 14%
Britain 13%
Denmark 10%
Portugal 10%
Austria 9%
Cyprus 3%
Malta 2%
Ireland 1%

Tag:, ,